Conti correnti postali: quali tipi esistono, quali convengono e perché, come aprirli

http://www.25alsecondo.it/?p=1765

La posta, allo stato attuale, sta sostituendo molti servizi bancari, diventando un ente privato utile per avere anche dei conti corrente. Sempre più italiani si stanno rivolgendo alle poste, ma perché si hanno riduzioni dei costi di commissione, di apertura e di chiusura.

Impossibile che oggi ci siano dei cittadini che non abbiamo una carta di credito. Tutto viaggia sulla famosa “moneta virtuale”, non bitcoin, anche se quest’ultimi stanno iniziando ad avere successo, ma sul denaro “dematerializzato”. Praticamente il denaro viene “parcheggiato” sul proprio conto corrente e lo si usa con la propria carta di credito.

Vediamo comunque le differenze per fare la scelta adatta alle nostre necessità.

Differenze tra conto corrente postale e bancario

Iniziamo con le differenze che sono importanti tra conto corrente bancario e postale.

La banca è di solito un ente privato ad uso pubblico con sostegno governativo. Si fornisce di un circuito internazionale che mette in contatto anche più enti di diverse società. I conti correnti sono sostenuti con una spesa annuale, molto alta. Vediamo infatti che la spesa media per i costi di mantenimento del conto corrente si aggirano sulle 500 euro all’anno. A qui si aggiungono delle commissioni che sono più alte, rispetto alle poste, di una percentuale che varia dall’5% fino al 15%.

Per la posta, al contrario delle banche, offre una spesa di mantenimento che varia dalle 30 euro, all’anno, fino a 60 euro. Le commissioni variano dal 0.90% all’1.20% della spesa da sostenere con la carta.

C’è però da dire che la Posta non si serve di un circuito internazionale. Ciò vuol dire che se siete all’estero non potrete usarla per pagamenti perché essa non ha connessione.

Conti correnti postali, convengono?

Attualmente sono disponibile ben due tipologie di conto corrente, vale a dire:

  • BancoPosta
  • Base Banco Posta

Esse hanno una facilità di apertura che avviene direttamente alle poste. Hanno un collegamento online per usarlo anche tramite il proprio dispositivo mobile. Hanno la carta bancomat compresa nelle spese di apertura del conto, mentre alla banca si deve pagare il costo per la carta. Operazioni illimitate.

Alle volte è possibile anche trovare delle proposte per aperture di conti correnti online che sono totalmente gratuiti. Solo che spesso essi hanno un lasso di tempo per fare le pratiche di apertura che si aggirano in un mese. Quindi si dovrebbe essere sempre aggiornati.

Iter burocratico per aprire un conto corrente postale

Gli uffici di Poste italiane sono tantissimi e tutti adibiti all’apertura di un Conto Corrente. Per fare la procedura basta recarsi in ufficio, in modo fisico, muniti di documento d’identità e codice fiscale.

Verrà poi eseguita la compilazione dei moduli e la procedura per la firma digitale. Il conto corrente verrà aperto nel giro di 48 ore.