Smartbox: GDF rileva irregolarità

http://www.25alsecondo.it/?p=78

smartboxStando a delle indiscrezioni che circolano in rete in queste ultimissime ora la Guardia di Finanza avrebbe riscontrato delle gravi irregolarità durante un accertamento presso la Smartbox per un valore superiore ai 100 milioni di euro. La Smartbox, per chi non lo sapesse, è la società leader nella vendita di cofanetti regalo con cui è possibile donare ad amici, parenti e conoscenti un viaggio, un percorso benessere, una cena al ristorante e molte altre cose.

Secondo le indiscrezioni la Guardi di Finanza avrebbe trovato delle irregolarità nei conti che andrebbero approfondite con ulteriori indagini. Visto che sul web di questo non si trova traccia, almeno per il momento, abbiamo provato a fare qualche indagine. Per prima cosa c’è da dire che la Smartbox fa capo a Smartbox Experience LTD, una società Irlandese con sede a Dublino (indagando sulle grandi aziende guarda un po sono tutte con sede in Irlanda).

Continuando a spulciare nel web salta fuori che è stata lanciata anche una petizione contro smartbox per invitare il governo e l’agenzia delle entrate a fare chiarezza per quanto riguarda la vicenda e verificare se davvero l’azienda abbia evaso quei soldi al fisco provocando un danno enorme all’intera collettività.

Inoltre segnaliamo che è stata aperta da poco anche una pagina facebook (https://www.facebook.com/pages/Multinazionali-ridate-i-soldi-agli-italiani-smartboxpagaletasse/301021273435243) sulle irregolarità fiscali delle grandi multinazionali dove, presumibilmente, nei prossimi giorni si potranno avere maggiori informazioni.

La nostra speranza è che si metta chiarezza, al più presto, sulla vicenda e che le istituzioni pubbliche si diano davvero da fare per fare tutti gli accertamenti del caso evitando che per l’ennesima volta una grande multinazionale possa permettersi di evadere il fisco per oltre 100 milioni in un momento in cui le persone sono vessate da cartelle esattoriali di ogni sorta.

Ovviamente ci teniamo a sottolineare che nei prossimi giorni effettueremo delle verifiche sulla vicenda di cui al momento non ci sono riscontri ufficiali. Pertando diamo alla Smartbox il beneficio del dubbio e, anzi, la invitiamo a rilasciare un comunicato stampa sull’accaduto per far sentire la propria voce circa le notizie che trapelano su un eventuale irregolarità da oltre 100 milioni di euro riscontrata dalla Guardia di Finanza.