Ipertensione e attività motoria: come mantenersi in forma

http://www.25alsecondo.it/?p=2058

L’ipertensione è tra le prime cause di mortalità nel mondo e i suoi fattori di rischio rientrano tra quelli più diffusi. Un’elevata percentuale di decessi provocati da infarto e da incidenti cerebrovascolari sono proprio dovuti a un aumento della pressione arteriosa. Lo stile di vita ha un ruolo molto importante sia nella prevenzione che nelle sue possibili complicazioni, a seguito di un’adeguata diagnosi effettuata da uno specialista.

Un regime alimentare sano, equilibrato e vario può essere un aiuto prezioso per accompagnare i trattamenti farmacologici prescritti dal medico e che può anche essere coadiuvato da una regolare attività fisica e dall’assunzione, su indicazione medica, di specifici supporti alimentari. 

L’attività fisica è un importante aiuto per contrastare lo sviluppo dell’ipertensione che può anche aiutare a ridurre il rischio di mortalità nei pazienti ipertesi, ci circa il 30%.

Possibili effetti benefici dell’attività fisica in soggetti ipertesi

Svolgere un’attività fisica è uno dei principali consigli che in generale, tutti i medici danno ai propri pazienti ipertesi, che siano o meno trattati con terapie farmacologiche. Diverse ricerche scientifiche condotte su questa patologia, hanno consentito di chiarire il meccanismo secondo il quale praticare esercizi fisici possa influire positivamente sulla pressione arteriosa, grazie all’aumento delle sostanze vasodilatatrici in circolo nell’organismo.

Una regolare attività fisica praticata correttamente e scegliendo sport suggeriti dal tuo medico può aiutarti a migliorare la tua condizione di salute, se questa viene associata da una corretta alimentazione volta anche al dimagrimento nei casi in cui ci siano patologie come l’obesità o il sovrappeso. Tra i possibili effetti benefici prodotti da una regolare attività fisica possiamo trovare:

  • benefici cardiovascolari: in quanto l’attività motoria può aiutare a migliorare la frequenza cardiaca;
  • benefici alla massa corporea: in quanto può aiutare ad apportare miglioramenti alla massa muscolare, aiutando a ridurre il grasso corporeo, sottocutaneo e intra-addominale;
  • benefici sul sistema nervoso simpatico: che possono essere utili per aiutare a ridurre lo stress ossidativo prodotto dall’aumento della pressione sanguigna;
  • benefici sul comportamento: in quanto praticare esercizi fisici può aiutare a ridurre lo stress, a contrastare l’ansia e a migliorare la qualità del sonno;
  • benefici cardioprotettivi: che possono essere utili per aiutare a mantenere bassi i valori di trigliceridi e colesterolo, principali responsabili di patologie come coaguli di sangue, arteriosclerosi, ischemie e lesioni.

Quanto tempo dedicare all’attività fisica?

L’esercizio fisico aerobico svolto regolarmente praticando attività come passeggiate a piedi, in bicicletta, jogging, corsa, nuoto può consentire di avere dei possibili effetti benefici sulla pressione sanguigna, indipendentemente dall’età e dal sesso del soggetto. L’attività fisica può anche essere utile per potenziare la muscolatura. 

Le raccomandazioni degli esperti sono quelle di dedicare almeno mezz’ora al giorno di esercizi da suddividere in più sedute nell’arco della giornata o in un’unica sessione. I pazienti ipertesi che non presentano complicazioni cardiovascolari o renali possono svolgere attività sportiva a livello competitivo, partecipando a gare purché siano monitorati.

Un allenatore o un trainer deve affiancare sempre il paziente nelle sue attività fisiche, in modo da verificare la qualità degli esercizi scelti. Importante sempre sottoporsi a controlli clinici prima di intraprendere qualsiasi attività sportiva.

Attività fisica e alimentazione

L’alimentazione nei soggetti ipertesi deve essere concordata con un medico, specialmente nei casi in cui è necessario perdere qualche chilo, che può affaticare il cuore e il funzionamento degli altri organi. L’ipertensione spesso è associata a patologie come sovrappeso e obesità, e per questo motivo un esperto può consigliati su regimi alimentari ipocalorici e iposodici da intraprendere, a cui potere associare l’assunzione di integratori naturali, come Detonic, un supporto a regimi alimentari pensati appositamente per soggetti ipertesi.

Questo integratore può essere utilizzato da tutti coloro che soffrono di pressione arteriosa, come coadiuvante di un piano alimentare personalizzato, con l’aiuto di un esperto e all’interno di uno stile di vita sano in cui si pratica regolarmente attività fisica. Puoi trovare tutte le informazioni su detonic sul sito ufficiale dell’azienda produttrice. Se sei un soggetto iperteso ti raccomandiamo di:

  • tenere sotto controllo il tuo peso e se necessario affidati a un esperto per intraprendere dei percorsi dimagranti personalizzati, con una corretta alimentazione e un sano stile di vita;
  • limitare l’assunzione di bevande alcoliche;
  • ridurre o ancora meglio smettere di fumare;
  • ridurre o eliminare l’utilizzo del sale in tavola e quindi il consumo di alimenti che lo contengono;
  • consumare in abbondanza frutta e verdura;
  • diminuire il consumo di cibi ricchi di grassi saturi e colesterolo;
  • praticare attività sportiva gradualmente, aumentando di volta in volta la frequenza e la durata degli esercizi;
  • di mantenere sempre un’adeguata idratazione durante l’attività fisica, specialmente se assumi farmaci diuretici;
  • di sottoporti a controlli medici regolari, soprattutto prima di intraprendere qualsiasi esercizio fisico;
  • di seguire i consigli del tuo medico, sottoponendo a trattamenti farmacologici se necessario e di utilizzare gli integratori alimentari come coadiuvanti e non come sostituti della tua alimentazione o di quanto ti viene prescritto;
  • non affidarti a diete fai da te e non assumere prodotti dimagranti senza avere chiesto prima il parere del tuo medico. Anche se si tratta di prodotti naturali, come Detonic, è sempre possibile incorrere in possibili effetti indesiderati o in controindicazioni dovute ad allergie e intolleranze verso uno o più eccipienti contenuti nelle formulazioni interne.