Costernato: significato, quando usare il termine e sinonimi

http://www.25alsecondo.it/?p=1900

Le lingue latine, tra cui troviamo proprio l’italiano, ha dato origine a miliardi, nel vero senso numerico, di termini e parole. Molte delle quali si usano quotidianamente, ma di cui non sempre si conosce il significato.

Oggi ci concentriamo sul termine “costernato”. Bene o male ricordiamo che è un qualcosa che dichiara la nostra afflizione o dispiacere interiore per qualche situazione spiacevole, ma da dove arriva?

Deriva dal latino “consternatio-onis”. Esso indica esattamente uno stato emotivo che è in preda al rammarico, al dispiacere o abbattimento interno. Vero è che indica anche avvilimento o dispiacere. In alcune frasi, con riferimento a determinate situazioni, indica anche mortificazione, sconforto o scoraggiamento.

Ecco che allora nasce spesso un pochino di confusione su dove, come e quando usare il termine costernato. Si tratta comunque di un termine sta diventando meno usato, anche perché ha una delicatezza nella sua pronuncia che non sempre si abbina al linguaggio quotidiano sempre più confidenziale di oggi.

Cosa significa esattamente “costernato”?

Il termine “costernato” è spesso usato nella letteratura, nelle poesie o anche in un linguaggio molto diplomatico e in situazioni lavorative o anche emotive cerimonioso.

Vediamo che il suo significato indica dispiacere, almeno sintetizzandolo, ma viene usato in poesia o nella letteratura perché, al suo interno, troviamo una sensazione interna diversa.

Un grande abbattimento dell’animo, una sorta di sensazione simile al dolore provato da un lutto. Parliamo dunque di una profonda cicatrice di afflizione interna. Sicuramente la si abbina spesso a brutte notizie, ma che ci toccano personalmente.

In poche parole si parla di un termine “romantico”, ma doloroso.

In che situazioni si usa questo termine

I termini che hanno diversi significati, che sono poi adattabili nella vita quotidiana, ci porta a chiederci dove e quando diventa importante usare il termine “costernato”.

Le situazioni tipiche possono essere tre, quali:

  • Situazione dolorosa, come un dispiacere per un lutto o per un problema in famiglia o con gli amici
  • Problemi sul lavoro dove siamo la causa di gravi problemi
  • Situazioni personali

Ad esempio: sono costernato di aver avuto la notizia che tua madre ha gravi problemi di salute. Oppure: fingeva di star bene, ma il suo sguardo era molto costernato. In quest’ultima è palese un malessere interiore che dichiara tutt’altro.

Sinonimi di Costernato

Per comprendere il significato di un termine è sempre bene che ci sia una ricerca sui sinonimi.

Nel termine costernato troviamo come sinonimi:

  • Afflitto
  • Sgomento
  • Prostrato
  • Scoraggiato
  • Avvilito
  • Demoralizzato
  • Addolorato

In questo modo è più facile capire anche quando è possibile usare questo termine.